Penso.

Un’Amico, un carissimo amico oggi, nel suo salone, dove guardavo intensamente allo specchio la mia immagine cambiata mi dà dolcemente della “Pazza” e finisce con “Lo sei sempre stata!”

Io che mi sento tanto naturale rido all’immagine di ciò che trasmetto con gesti e parole.

Rido! La Pace dentro la mia Anima, sicura che ciò che faccio è spinto dal parlare del mio Cuore!

La sofferenza subita. La sofferenza che vive chi ora mi è vicino è motivo di riflessione, essa non mi farà fermare. Lontano Voglio Andare! Voglio rischiare!
Rischiare nel vivere povertà e difficoltà di trovare la vera felicità!

Quell’Amico è un grande confidente, buono, puro, sincero, onesto.

Penso.

Quell’Amico mi vede dentro. e non è il solo.
Penso.
O tutti sono bravi ad osservarmi e leggermi o io sono trasparente!!!

Quell’Amico mi ascolta mentre parlo di Dio, del Dio che è in Ogni Religione. Del Dio che è dentro Me. Tatuato con una croce sul mio braccio sinistro, con al centro un cuore che pulsa rosso Amore. Quel Dio che è dentro Ognuno di Dio.

Mi lascia con un nome di un parroco da contattare.
Mi dice “Parli come lui”. Sorrido dolcemente.

Questa fotografia l’ho scattata con questo Amico vicino due anni fa. Era la notte del suo compleanno. Sento ancora i rumori di quella notte, le emozioni, le situazioni vissute. Notte trascorsa accolta a sua casa che vuole proteggermi dalla nebbia. Addormentata sul suo letto alle 5 con sveglia alle 7. Ricordo che mi sono alzata ancora prima del suo della sveglia. Avevo una Missione con un’OMG da svolgere. E poi un turno di pomeriggio in C.T.R.P.
Ho aperto gli occhi. Sua moglie, mia Amica sin dall’adolescenza dorme. Le sussurro qualcosa all’orecchio e corro veloce fuori da quella casa.

Questa notte è la notte del mio compleanno.