Ascolto per la prima volta attentamente questa canzone.

Sento la Pace che vuole trasmettere.

E ne sento la sua forza.

Vengo contagiata dalle note.

Musica che mi viene chiesta di ascoltare da una persona

Speciale, che oserei dire a me tanto sconosciuta quanto mi

sembra faccia parte di me da sempre.

Non mi fermo ad ascoltare. Non ne sono capace. Rapita

dalle note voglio sapere.

Faccio una ricerca.

La canzone, scopro rappresentare un canto funebre.

Io attratta dalla Pace che ritrovo nei Cimiteri. Io attratta dal

fermarmi davanti ai Capitelli. Io ricerco ancora non contenta.

Ed ecco cosa scopro:

” – Ora Siamo Liberi

In questo brano composto con la partecipazione di
Ridley Scott e Hans Zimmer, Lisa Gerrard ha creato
una lingua in funzione della musica
e da questa prende la sua forza comunicativa universale;
il titolo si limita solo a dare lo spunto iniziale,
l’unica parola traducibile ? l’iniziale “Shalom” ebraico,
tradizionale saluto e augurio: “Pace”;

Il resto delle parole restano come sospese,
permettendo in tal modo,
a chi ascolta di immaginarle, secondo la propria sensibilit√†..”

Resto senza parole.