Era ieri quando ho pianto dopo aver lottato contro pirati che mi hanno provocata, attaccata, minacciata, pirati pieni di paura, paura poi ne miei confronti. Penso. Se faccio paura con questo volto, sai se m’incaponisco davvero come mi ha suggero qualcuno??!!

Era ieri quando dentro la mia Favola, quei pirati, ed erano in tanti contro me e chi in quel momento mi proteggeva, mi han trasmesso una sensazione alla quale non so dare un nome. Non era rabbia. Non era dispiacere. Fastidio, che si poi trasformato in dolore. Rispondo a tono e non a colpi di cannone, io sono per “Pace e Amore”.
Occhi gonfi di lacrime anche in quel momento. Orgogliosa di me stessa e di chi avevo vicino.

Comunque vada a finire questa storia Dio mi ha già salvata. Ho perso tutto, e ho tutto ciò di cui ho bisogno. E poi tutto torna. Vado oltre. Supero il momento.
Continuo il mio racconto. Mi guardo. Mi trovo al punto giusto, lo sento.
Tutte le mie avventure son belle da sognare e non mi rifugio di certo in esse, il tempo corre e sono diventata grande e tanti desideri ho ancora da realizzare, e nulla di questa vita intensa voglio sprecare. Sono cambiata. Mi sono persa. Mi sono ritrovata. Continuo a cercarmi.

Il Principe, è vero, non esiste, e dentro me l’ho sempre saputo. Mi piace giocare, ma non mi nascondo dietro le Favole, io sono reale. E

so quello che voglio dalla Vita.. comunque quell’idea di lui creata nella mia testa mi ha resa diversa e non smetterò mai di ringraziare il fantasma di un Principe mai esistito.