Quadri-gustav-klimt-lalbero-della-vita (1)

“Decidere se fidarsi o no di una persona è come decidere se arrampicarsi o no su un albero, poiché si potrebbe godere di una vista straordinaria dal ramo più alto, oppure ci si potrebbe semplicemente riempire di resina, e questo è il motivo per cui molta gente decide di passare il suo tempo sola e in casa, dove è più difficile pungersi con una scheggia.”
Lemony Snicket

Ho deciso molto tempo fa di uscire di casa e di arrampicarmi sull’albero della Vita. Non è stato facile. Nessuno mi aveva spiegato come ci si arrampica, che ci vuole molto allenamento, costanza, equilibrio, forza interiore. Nervi fermi. Nessuno mi aveva promesso niente una volta raggiunta la prima meta, la seconda o la terza. Nessuno mi aveva detto niente. Qualche silenzioso segno. Pochi gli occhi e le orecchie che coglievano le mie richieste. Mi sono arrampicata da sola. Ci sono voluti anni solo per fare il primo passo. Anni nei quali ho superato limiti che mi ero auto imposta, prove, momenti di indecisioni, paure, dolori. Iniziata l’arrampicata è stato meraviglioso raggiungere i primi rami e aver potuto godere delle prime straordinarie vedute. Che sospiri che ho fatto. Nello stare in bilico su certi rami ho scoperto il vuoto e non me lo farò portare via da nessuno. Sono anche caduta tante volte. Ringrazio il vento che me lo ha permesso. Cadute delle quali porto sul mio costato il segno di un disegno di una piuma insanguinata e una frase che recita “E’ davvero un peccato vedere nel mondo solo ciò che mettiamo noi stessi lasciandoci sfuggire ciò che veramente c’è.” firmato Abraham Maslow

Una parte di me resta in attesa, l’altra abbraccia forte e si ripete “Tutto questo è Vita”.

—–

Nel mezzo di un vivere tranquillo, in salita e nello stare fermi sull’albero della Vita capita che, pur stando ben attenti a dove si mettono le mani e i piedi, ti pungi con una scheggia. Ne senti il dolore improvviso, tanto scontato quanto inaspettato-

Ti capita di maledire quella scheggia per il male che ti ha procurato-

Chi ti viene in soccorso ti rassicura, ti cura-

Ti dicono che devi preoccuparti di proseguire su quella strada e tu potresti pensare che se insisti a proseguirla potresti farti altro male-

Poi … se sai ascoltare la natura,

l’albero della Vita ti parla e lo sa fare bene per chi ha orecchie per udire.

E’ lui che dice “Tutto questo è Vita”.