11294312_10205727496658696_538660204_o

Lacrime sentendo e vedendo la Vita scorrere.

Lacrime sentendo e vedendo la Morte scorrere.

Ho pianto mentre attendevo stringendo forte forte la mano di quel Lui innamorato pieno di Emozione che aspettava all’ingresso della Chiesa la sua Lei. E poi, guardare Lei, bella, Bellissima. Dole, dolcissima. Lacrime nell’ammirarla nel pieno del suo essere figlia, femmina, donna, madre, moglie. Amicizia che prende il nome di Amore sigillato dal bacio delle nostre labbra. E poi, le parole del parroco:

“Il Mistero. […] La ricerca di se stessi.”

E poi, voci calde ad intonare melodie da brividi sulla pelle. E poi, il Castello, da senza parole.

E poi, ho iniziato a piangere giorni prima di arrivare in Chiesa dinnanzi ad un Lui Speciale che ha intrapreso un nuovo cammino. Penso e prego.

Lacrime. Lacrime. Lacrime. Ho pianto molto e l’ho fatto bene.

Emozioni differenti. Gioia e Dolore. Emozioni differenti che custodiscono entrambe la stessa Unica parola -Amore-.

E poi, il silenzio.

Coccolata dal mio silenzio, penso. Penso molto e non mi stanco.

Penso. Scrivo. Canto. Ballo. Creo. Incontro. Accolgo. Allontano. Rido. Sorrido. Gioco. Cambio. Ringrazio. Amo.

E poi, un viaggio mi sta conducendo verso una Terra Promessa.

“Dio c’è!” e non lo scrivo con lo spray sui muri.

1004859_541073776011095_1665237595_n